La pechere alla rezzaule

Quanne arrive u maise de mèisce deciaine l’anziène

da sobbe i pèchere se lève la lène

e come dicij tatanne

a San Giuanne allasse u figghje e pigghje la mamme,

e po’ arrive u maise de’auste

e che la pèchere se fèsce l’arruste.

Ma a megghièreme ca stè saule

nge pièsce la pèchere alla rezzaule.

La prèpère Nonna Marì

ca tène paciènze e fantasì.

Quanne l’è fènute d’aggiustè

allu furne l’ama purtè

e siccome jè nu pranze reièle

la purtème allu furne nustrèle.

Doppe cinghe ore la scème a pigghjè

e scallènde l’asime a mangè.

La mengième che tanda prèmure

la pèchere alla rezzaule de Jaltamure.

E mo’ ca jè stète apprèzzète da tutte u munne

sène la rezzaule jaltamurène.

 

TRADUZIONE  LETTERALE IN ITALIANO

La pecora “alla rezzaule”

Quando arriva il mese di maggio dicevano gli anziani

da sopra le pecore si toglie la lana

e come disse il nonno

a San Giovanni lascia il figlio e prendi la mamma,

e poi arriva il mese di agosto

e con la pecora si fa l’arrosto.

Ma a mia moglie che sta sola

Piace la pecora “alla rezzaule”.

La prepara Nonna Maria

Che ha pazienza e fantasia.

Quando ha finito di prepararla

dobbiamo portarla al forno

e siccome è un pranzo reale

dobbiamo portarla ad un forno a legna.

Dopo cinque ore andiamo a prenderla

e dobbiamo mangiarla bollente.

La mangiamo con tanta premura

la pecora “Alla rezzaule” di Altamura.

E adesso che è stata apprezzata da tutto il mondo

suona la “rezzaule” altamurana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore. Privacy policy